Casarecce con zucchine e cipolla rossa

Casarecce con zucchine e cipolla rossa

Le casarecce sono il formato di pasta ideale per sughi fantasiosi e accostamenti insoliti. La loro forma arrotolata su sé stessa e la loro superficie porosa trattiene bene i condimenti e rende ogni boccone un’esplosione di sapori. Oggi vi illustreremo la ricetta delle casarecce con zucchine e cipolle rosse, light e gustose allo stesso tempo.

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Il consiglio di Liguori

Per un tocco in più alle cipolle rosse e alle zucchine, sfumate il tutto in padella con un goccio di vino bianco.

Preparalo anche con

 

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Mettete a bollire l’acqua per la cottura delle casarecce e salate.
Nell’attesa dedicatevi alla preparazione del condimento: lavate e tagliate a dadini le zucchine e tagliate finemente la cipolla.
Prendete una padella e cominciate a riscaldarla versandoci un filo d’olio. Dopo circa 1 minuto, versare la cipolla nella padella, quando sarà dorata aggiungere le zucchine.

Versate le casarecce nell’acqua e una volta scolata unitela alle cipolle e alle zucchine direttamente nella padella.
Lasciate mantecare con una generosa spolverata di parmigiano.
Le vostre casarecce zucchine e cipolle rosse sono pronte.


Immagine spaghetto con le vongole ricetta Pasta Liguori

Spaghetti con le vongole

Immagine spaghetto con le vongole ricetta Pasta Liguori

Spaghetti con le vongole

Un piatto che ha fatto scuola, un grande classico della cucina italiana che, spesso, fa da banco di prova per testare la bravura degli chef. L’Italia, il sud soprattutto, tiene a questo piatto come un simbolo della tradizione, cultura e folklore tutto italiano. C’è chi lo preferisce bianco chi leggermente rosso, chi preferisce il pepe chi il peperoncino. Poi c’è la disputa riguardo l’aggiunta di vino bianco e l’ammollo. Addirittura c’è chi dice “Spaghetti a vongole” o “Spaghetti alle vongole” e via dicendo. Una cosa è certa: la semplicità e la bontà di questo primo piatto che il mondo ci invidia.

Immagine spaghetto con le vongole - Pasta Liguori

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Il consiglio di Liguori

Sgusciare le vongole e tenerle a parte. Scolare la pasta al dente e far saltare in padella con un mestolo d’acqua di cottura, poi unire le vongole e impiattare.

Preparalo anche con

 

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Come prima cosa lasciar spurgare le vongole in acqua per 12 ore. Mettere l’acqua sul fuoco e intanto preparare il condimento. In un tegame basso e capiente far rosolare l’olio con l’aglio leggermente schiacciato; quando l’aglio imbiondisce unire il peperoncino fresco e il prezzemolo tritato. Quando l’acqua arriva a bollore lessare la pasta per 10 minuti.

Nel frattempo eliminare l’aglio e aggiungere le vongole, un mestolo d’acqua della pasta e far evaporare, dopodiché abbassare la fiamma, coprire e far cuocere per 1 minuto. Scolare la pasta, unirla al condimento e farla saltare in padella per 1 minuto. Servire con una spolverata di prezzemolo fresco.


Linguine ai gamberoni

Linguine ai gamberoni

Le linguine, pasta di origine ligure, nascono per accompagnare il pesto. Grazie alla loro particolare forma, schiacciata, simile ad una lingua appunto, in Campania sono state sempre apprezzate con i sughi di pesce e crostacei, perché raccolgono il condimento e lo esaltano al meglio. Le linguine ai gamberoni rappresentano una sintesi perfetta dei sapori del sud: pasta e mare si fondono per regalare al palato un’esperienza di gusto indimenticabile.

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Puliamo i gamberoni: priviamoli di testa, coda e carapace, tagliamoli a pezzetti e mettiamoli da parte, lasciandone 4 interi per l’impiattamento. In una padella capiente facciamo scaldare l’olio con lo spicchio d’aglio in camicia, il peperoncino e il prezzemolo, lasciamo soffriggere, eliminiamo l’aglio e aggiungiamo i pomodorini lavati e tagliati a metà. Facciamo appassire leggermente i pomodorini, schiacciamoli con una forchetta e aggiungiamo i gamberoni sia quelli tagliati che quelli interi, lasciamo insaporire,

regoliamo di sale, sfumiamo con il vino bianco per qualche minuto a fiamma media e senza coperchio e una volta evaporato il vino spegniamo la fiamma. Cuociamo la pasta in abbondante acqua salata, la scoliamo al dente (circa 10 min di cottura) e la mettiamo nella pentola insieme al sugo di gamberoni e poca acqua di cottura, accendiamo la fiamma e rigiriamo per qualche istante, serviamo nei piatti le nostre linguine con gamberoni e guarniamo con un po’ di prezzemolo tritato.

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Il consiglio di Liguori

Per un piatto dal sapore di mare ancora più ricco potete preparare un brodetto con teste e code di gamberi e unirlo al sugo in cottura. Se non amate le linguine questo piatto può essere preparato ugualmente anche con spaghetti alla chitarra o classici, magari riducendo leggermente il sugo per evitare che sia troppo liquido e non si attacchi alla pasta.

Preparalo anche con

 


Fusilli con peperoni rossi

Fusilli ai peperoni

Questo formato di pasta tipica dell’Italia meridionale dall’inconfondibile forma elicoidale si presta bene per sughi di carne e verdure ed è molto gustoso nei piatti freddi. L’accoppiata fusilli e sugo ai peperoni, poi,  fa immediatamente estate! Un piatto veloce, semplice e gustoso perfetto dopo una giornata in spiaggia. Vediamo come si prepara.

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Lavate i peperoni, privateli della parte interna e tagliateli a cubetti. Tritate ora la cipolla e schiacciate un aglio in camicia. Soffriggete in padella calda l’olio, la cipolla e lo spicchio d’aglio. Fate dorare, eliminate l’aglio e aggiungete i peperoni, salate, pepate e fate cuocere per circa 15 minuti, col coperchio, fin quando il peperone non si insaporisce ma resta croccante. Aggiungete i pomodorini tagliati a cubetti (preferibilmente corbarini o ciliegini) e cuocete per altri 10 minuti mescolando. Intanto cuocete i fusilli in acqua bollente salata per 10 minuti, scolateli e saltateli in padella per 1 minuto col condimento.

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Il consiglio di Liguori

I Fusilli n. 31 tengono perfettamente la cottura e bastano 10 minuti per avere un piatto di pasta al dente. Se però preferite che questo piatto risulti più cremoso, colate la pasta un minuto prima, versate un cucchiaio di acqua di cottura in padella e fate risottare per due minuti i fusilli. Per completare guarnite con prezzemolo fresco e pepe nero macinato al momento.

Preparalo anche con

 


Rigatoni alla siciliana

Rigatoni alla siciliana

I rigatoni alla siciliana sono uno dei piatti più celebri della tradizione culinaria italiana ricchi di sapore, nati dall’incontro tra melanzane fritte, pomodori e provola. Semplici, colorati, goduriosi, questo piatto non delude mai! Bastano pochi ingredienti di facilissima reperibilità e una preparazione poco elaborata per portare in tavola tutto il sapore del sud. Il segreto per gustarli al meglio? I rigatoni Liguori IGP, formato che trattiene il sugo in modo inimitabile.

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Spuntate, lavate, asciugate e tagliate a dadini le melanzane, poi friggetele in una pentola dai bordi alti, poco per volta, in abbondante olio caldo. Tenete da parte le melanzane e preparate il sugo: in una casseruola soffriggete uno picchio d’aglio schiacciato e 5 cucchiai di olio, fate dorare e aggiungete la passata di pomodoro, sale e pepe. Coprite e lasciate cuocere per 25 minuti circa. Salate e portate a bollore l’acqua, cuocete i rigatoni 13 minuti o, se preferite una cottura al dente, 12 minuti.

Intanto eliminate l’aglio dal sugo e unite le melanzane. Scolate la pasta, rimettetela nella pentola e unite il sugo. Aggiungete i dadini di provola, il parmigiano, abbondante basilico, date una mescolata a fuoco basso affinché la provola si sciolga e servite con qualche melanzana fritta tenuta da parte e una fogliolina di basilico fresca.

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Il consiglio di Liguori

Per eliminare l’acqua di vegetazione delle melanzane e garantire un risultato croccante, è utile lasciare le melanzane precedentemente lavate e tagliate, per 30 minuti cosparse di abbondante sale grosso sotto un peso (un piatto, una ciotola). Dopo basta asciugarle ed eliminare l’eccesso di sale con un panno da cucina.

Preparalo anche con

 


Spaghetti alla chitarra con moscardini

Spaghetti alla chitarra con moscardini

Pochi semplici ingredienti e una preparazione facilissima per un primo piatto da re. Gli spaghetti alla chitarra con sugo di moscardini sono un piatto della più antica tradizione mediterranea che stupisce sempre, per la semplicità di esecuzione e per lo straordinario sapore, frutto dell’unione di 3 elementi caratteristici della buona cucina italiana: pasta, pomodoro e pesce.

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Pulite e sciacquate bene i moscardini, divideteli in 4 parti e lasciatene qualcuno intero per l’impiattamento. Rosolate l’aglio schiacciato con 3 cucchiai d’olio, non appena imbiondisce toglietelo, aggiungete li moscardini, fate rosolare, sfumate con vino bianco e aggiungete la passata di pomodoro, che potete sostituire anche con i pomodori pelati. Salate, aggiungete il peperoncino nella quantità desiderata e coprite col

coperchio, facendo cuocere a fiamma bassa per circa 40 minuti affinché il sugo diventi scuro e denso, proprio come un ragù. A cottura ultimata togliete il coperchio e fate riposare qualche minuto, tenendo da parte i moscardini. Salate e portate a bollore l’acqua, cuocete gli spaghetti per 12 minuti o 10 se li preferite al dente. Scolateli, fateli insaporire nel sugo. Unite i moscardini che avete messo da parte e spegnete il fuoco.

_____________________________________________________________________________________________________________________________________________

Il consiglio di Liguori

Scolate la pasta circa due minuti prima, aggiungete due cucchiai di acqua di cotture e fateli “risottare” per due minuti. In questo modo gli spaghetti si legheranno ancora meglio al sugo. Servite gli spaghetti con una manciata di prezzemolo fresco tritato e un moscardino intero per piatto.

Preparalo anche con